Giulio Baffi

Dipartimento dello spettacolo del Ministero dei Beni e le Attività Culturali, Direttore Artistico del “Premio Massimo Troisi” di San Giorgio a Cremano, del Festival Benevento Città spettacolo, e di altre importanti iniziative di spettacolo, è attualmente direttore artistico della rassegna “A volte ritornano!” al Teatro Sannazaro di Napoli, di “Cantieri Viviani – Premio Viviani”, del Festival “Scenari Casamarciano”. Ha diretto il Teatro San Ferdinando di Napoli. E’ stato critico teatrale dei quotidiani l’Unità e Il Giornale di Napoli. Ha ideato e Diretto il periodico Noi a Teatro, ha collaborato e collabora con prestigiose riviste di spettacolo. Ha curato mostre e pubblicazioni dedicate a personaggi dello spettacolo: “Tina Pica 1884-1968”, “Nino Taranto ha cento anni”, Teatri di Napoli, Quaderni sulle opere di Raffaele Viviani Il sentimento del drammatico. Ha progettato, realizzato e curato il Museo dell’attore napoletano del Comune di Napoli, costituendo il Fondo della Collezione L’Attore Napoletano, di sua proprietà, in mostra permanente al Teatro San Ferdinando di Napoli. Ha realizzato mostre su  temi e protagonisti del teatro napoletano (Il sentimento del drammatico ne La scrittura  e il gesto Napoli, Inediti di Roberto Bracco Sorrento – Napoli, Neapolitan entertainment  New York, Marsiglia, Fetes et spectacles a Naples Avignone, Viviani rappresentato Napoli – Bari – Palermo – Roma, La costruzione dell’illusione  Benevento, La scena preesistente Ercolano, Il segno della voce  Napoli, Barcellona ,Parigi, Bruno Cirino, l’utopia del Teatro S.Andrea di Conza, Opera, la scenografia lirica in Italia Roma Ha fatto parte di storiche formazioni di ricerca teatrale e musicale quali il Teatro Esse di Napoli e la Nuova Compagnia di Canto Popolare. Ha diretto le Collane “Teatro/testi” e “Teatro/esperienze” di Alfredo Guida Editore con cui ha pubblicato numerosi volumi tra cui Il camerino di Eduardo, Visti da vicino 1 e 2, Il Sik-Sik del 1979, Teatri di Napoli ed è autore di studi, saggi e pubblicazioni su argomenti dello spettacolo. Ha partecipato a convegni e mostre su aspetti e personaggi dello spettacolo. Ha ideato e curato numerose trasmissioni radiofoniche e televisive. Ha ricevuto riconoscimenti e premi nazionali ed internazionali.